Firma Digitale e SPID

 

Cosa è lo SPID

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, SPID, è l’infrastruttura che il Codice dell’Amministrazione Digitale ha introdotto a fianco della CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e della CIE (Carta d’Identità Elettronica) come strumento per gestire con una modalità semplice, sicura e diffusa il riconoscimento in rete delle persone fisiche e giuridiche durante l’accesso ai servizi on line. 

A regime (entro fine 2017), SPID permetterà a cittadini e imprese di accedere con un'unica Identità Digitale - usando lo stesso nome utente e password, da computer, tablet e smartphone - a tutti i servizi online delle pubbliche amministrazioni e potrà essere adottato su base volontaria anche da organizzazioni e imprese private. 

L’identità SPID è costituita da credenziali con caratteristiche differenti in base al livello di sicurezza richiesto per l’accesso. Esistono tre livelli di sicurezza, ognuno dei quali corrisponde a tre diversi livelli di identità SPID e i livelli 1 e 2 non richiedono la distribuzione di dispositivi fisici. 

Nel corso dei primi mesi del 2016 sono state completate da AgID le procedure per l’attivazione dei primi tre “Identity Provider” – InfoCert, Poste Italiane e Tim - i soggetti a cui la norma attribuisce il compito di generazione e tenuta delle identità digitali. Per promuoverne la diffusione, le identità di livello 1 e 2 saranno erogate attraverso le camere di commercio saranno senza costi fino a giugno 2017 e avranno validità di due anni; successivamente gli Identity Provider potranno adottare differenti politiche tariffarie nei confronti dei titolari di tali credenziali digitali. 

 

Cosa è la firma digitale

La firma digitale è l’equivalente informatico di una tradizionale firma apposta su carta.

La firma digitale consente di:

  • sottoscrivere un documento informatico
  • verificare l’identità del firmatario
  • individuare con certezza la provenienza del documento
  • garantire l’integrità del contenuto del documento

 Il suo utilizzo oggi è indispensabile per la trasmissione telematica delle pratiche al registro imprese, trasmissione ormai obbligatoria per legge per tutte le imprese, ma è facile prevedere che in un futuro non troppo lontano, la firma digitale diventerà uno strumento indispensabile anche nelle diverse attività interaziendali di scambio sicuro di documenti, per la stipulazione di atti e contratti, acquisti via internet, operazioni bancarie ecc.

Per approfondimenti è possibile consultare il sito www.card.infocamere.it

 

Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Cosa è la CNS

La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è una carta con microprocessore che contiene il certificato di sottoscrizione  ovvero la firma digitale ed il certificato CNS.

Il certificato CNS è un normale certificato di autenticazione che permette anche di accedere telematicamente a tutti i servizi on-line della Pubblica Amministrazione identificando in modo univoco il titolare della carta connesso al Web.

Lo sviluppo del piano di e-governement varato dal Ministero per l’innovazione e le Tecnologie prevede la distribuzione delle CNS a tutti i cittadini quale strumento nazionale di autenticazione in rete. La Carta Nazionale dei Servizi rappresenta lo strumento ideale per la fruizione dei servizi in rete erogati dalla Pubblica Amministrazione.

In particolare per quanto concerne i servizi erogati dalle Camere di Commercio gli imprenditori titolari di CNS, e che abbiano attivato un contratto Telemaco Pay potranno ottenere gratuitamente, direttamente dal proprio ufficio, i seguenti servizi collegati alla propria iscrizione nel registro delle imprese:

  • Visura ordinaria, storica, artigiana, scheda società
  • Modello di dichiarazione sostitutiva del certificato Registro Imprese
  • Copie atti, statuti, bilanci depositati
  • Verifica dello stato dei pagamenti del diritto annuale
  • Stato avanzamento delle pratiche al registro delle imprese

Come si usa

L’uso della Carta Nazionale dei Servizi necessita dei seguenti strumenti hardware e software:

Lettore di smart card collegato ad un computer (disponibile presso i principali negozi di informatica);

Software di firma digitale (File Protector);

 

Token USB

Cos’è il Token USB                             

Il token USB è uno strumento più facile da utilizzare e più flessibile della CNS, utilizzabile in qualsiasi PC senza necessità di ulteriori installazioni hardware e software in quanto contiene già tutto ciò che occorre per firmare digitalmente o per fruire dei servizi on line della P.A..

Il token USB combina le funzionalità di un normale dispositivo di firma digitale, della CNS e di uno spazio di memoria aggiuntiva in cui è possibile scaricare software e documenti.

Validità della firma digitale

La firma digitale ha validità non superiore a 6 anni e deve essere rinnovata ogni 3 anni, perciò è consentito un solo rinnovo. Alla scadenza del 6° anno sarà necessario chiedere il rilascio di un nuovo dispositivo di firma.
Il rinnovo dei certificati di firma può essere effettuato  soltanto attraverso la procedura on line sul sito www.card.infocamere.it.  

Chi può richiedere il dispositivo di firma digitale e lo SPID

Il dispositivo di firma digitale può essere richiesto da chiunque, anche dai cittadini stranieri, purché in possesso del codice fiscale e di un documento di identità valido.

A chi rivolgersi

  • Direttamente presso l’Ufficio Servizi Innovativi della Camera di Commercio (Ready Card) prenotando un appuntamento attarverso il  servizio di prenotazione on line.
  • Presso professionisti ed associazioni abilitati INCARICATI ALLA REGISTRAZIONE  (Post Card)
  • I professionisti e le associazioni di categoria possono avvalersi di un incaricato alla registrazione per ottenere il dispositivo di firma digitale  per i propri clienti ovvero essi stessi diventare incaricati alla registrazione per richiedere direttamente alla Camera di Commercio i dispositivi  per i clienti.

 

L’incaricato alla registrazione previa sottoscrizione del mandato con la Camera di Commercio è autorizzato:

  • a richiedere il dispositivo di firma digitale per i propri clienti o associati;
  • a consegnare le richieste agli sportelli della Camera di Commercio;
  • a ritirare i dispositivi e consegnarli ai propri clienti.

Gli incaricati alla registrazione dovranno richiedere la firma digitale dei propri clienti producendo all’Ufficio di Registrazione l’apposito modello di richiesta compilato e firmato dal richiedente e dall’incaricato stesso.

 

Documenti necessari

  • Documento di identità in corso di validità
  • Codice Fiscale personale
  • Indirizzo di posta elettronica
  • Eventuale attestazione di versamento dei diritti di segreteria sul conto corrente postale della Camera di Commercio n. 12292017
  • Modulo di richiesta debitamente compilato e firmato.

Costi dei dispositivi di firma digitale

Costo della CNS

SOGGETTI

COSTO

Primo rilascio all’impresa:

legale rappresentante di società/titolare di impresa individuale, con sede legale nella provincia di Viterbo

 

 GRATUITA

Ulteriore rilascio all’impresa:

ogni altro amministratore di società

€ 25.00

Il pagamento può essere effettuato solo ed esclusivamente:

direttamente allo sportello in contanti o con bancomat/carta di credito

mediante versamento sul c/c postale n. 12292017 intestato alla CCIAA di Viterbo, Via F.lli Rosselli 4.

Cittadini non imprenditori

€ 25.00

Il pagamento può essere effettuato solo ed esclusivamente:

direttamente allo sportello in contanti o con bancomat/carta di credito

mediante versamento sul c/c postale n. 12292017 intestato alla CCIAA di Viterbo, Via F.lli Rosselli 4. 

 

 

Costo del Token USB

SOGGETTI

COSTO

Primo rilascio all’impresa:

legale rappresentante di società/titolare di impresa individuale, con sede legale nella provincia di Viterbo

 € 40.00

Ulteriore rilascio all’impresa:

ogni altro amministratore di società

€ 70.00  

Cittadini non imprenditori

€ 70.00

 

Il pagamento può essere effettuato solo ed esclusivamente:

direttamente allo sportello in contanti o con bancomat/carta di credito

mediante versamento sul c/c postale n. 12292017 intestato alla CCIAA di Viterbo, Via F.lli Rosselli 4.  

Smarrimento o sottrazione CNS

In caso di smarrimento o sottrazione della CNS, il titolare deve prontamente attivarsi per chiedere la sospensione/revoca dei certificati di firma rivolgendosi direttamente all’Ufficio di Registrazione della Camera di Commercio oppure sul sito www.card.infocamere.it

Attivazione del Servizio Incaricati alla Registrazione

Per l’attivazione del servizio il professionista o l’associazione dovrà seguire la seguente procedura:

 

Servizio Assistenza Firma Digitale

Eventuali problematiche sull’utilizzo del dispositivo di firma digitale devono essere segnalate al servizio assistenza di Infocamere contattando il numero di telefono 199 500 000  o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica firma@infocamere.it . 

Convenzioni Telemaco Pay

Per accedere a Telemaco si stipula un contratto Telemaco Pay con la Camera di Commercio.

La sottoscrizione della convenzione consente di:

  • spedire telematicamente le pratiche al Registro delle Imprese tramite Comunicazione Unica o Starweb;
  • fruire dei servizi di consultazione delle banche dati del registro delle imprese (visure, certificati, copie atti e bilanci, visure protesti, elenchi imprese).

Per aderire alla convenzione occorre collegarsi al sito www.registroimprese.it ed effettuare la registrazione. Se oltre alla consultazione siete interessati a  inviare pratiche telematiche o richiedere certificati del Registro Imprese, è necessario sottoscrivere il contratto cartaceo con la Camera di Commercio ed inviarlo via fax al Call Center 199/724688  oppure via email (con firma digitale su file pdf o tiff) a registrazione.tpay@infocamere.it.

E’ altresì possibile produrre il contratto direttamente in Camera di Commercio Viterbo presso l’Ufficio Servizi Innovativi.

 

CONTATTI
VALUTA IL CONTENUTO DI QUESTA PAGINA
Ti è stata utile questa informazione?
Visualizza tutti

RIFERIMENTI

Servizi Innovativi
Resp. Francesca Falcioni
Tel. 199.206.017
registro.imprese@vt.camcom.it

DOCUMENTI

AVVISO

Dal 1° luglio 2011 le Smart Card con cifre iniziali “1202” non potranno più essere utilizzate per la sottoscrizione dei documenti in base alla Delibera n. 45 del 21/05/2009 del CNIPA pubblicata nella G.U. 03/12/2009 n. 282 e alla Determinazione Commissariale n. 69/2010 della DigitPA pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 agosto 2010).

 I titolari di tali dispositivi di firma possono richiederne la sostituzione rivolgendosi all’Ufficio Servizi Innovativi della Camera di Commercio prenotando un appuntamento utilizzando il servizio di prenotazione on line.

Email:  francesca.falcioni@vt.camcom.it   (inserire nell’oggetto: FIRMA DIGITALE)

dati aggiornati al 17 Febbraio 2016