COMUNE DI VITERBO: Contributi per attività nel centro storico (proroga scad. al 15.9.2017)

Finanziabili le attività commerciali di vendita al dettaglio, del settore alimentare e artigiane.


pubblicata il 27/06/2017

Nell'ambito delle politiche di valorizzazione e tipizzazione commerciale del centro storico e nell'ottica di favorire l'avvio di nuove imprese o nuove localizzazioni di attività nella parte storica della città di Viterbo, l'assessore allo sviluppo economico Sonia Perà fa sapere di aver protratto al 15 settembre prossimo i termini dell'avviso pubblico per la concessione di un contributo a fondo perduto. “Una parte dei 20.000 euro stanziati è già stata impiegata a sostegno di una nuova impresa –fa sapere l'assessore Perà- e perseguirà esattamente l'obiettivo che vogliamo raggiungere cioè rendere vivace, anche commercialmente e anche di giorno, un zona molto frequentata da turisti e residenti. Il budget residuo sarà messo a disposizione, secondo le disposizioni della procedura concorsuale, per altri progetti che abbiano lo stesso fine”.

Ricordiamo che l'avviso pubblico, scaduto il 31 marzo scorso ma posticipato al 15 settembre 2017, era mirato alle seguenti vie e piazze: piazza S. Carluccio, via e piazza S. Pellegrino, piazza Cappella, piazza del Fosso e comunque tutta l’area pedonale di San Pellegrino (via del Gonfalone, via del Lauro, via Ottusa, via dell’Olimetro, via Madonna del riposo, piazza del Fosso, via Grotti, via Borgolungo, via S. Tommaso, via delle Conce, via dell’Incontro, via Sangemini, piazza e via Scacciaricci, via delle Caiole, via Centoponti, via delle Piaggiarelle, via Vallecupa), nonché via San Lorenzo, via del Ganfione, via Chigi, piazza San Lorenzo, via Cardinal La Fontaine, via Pietra del Pesce, via Macel Maggiore, via S. Carluccio, via Annio, via delle Fabbriche, via Valle Cupa e via del Ginnasio.

Si rammenta inoltre che potranno essere finanziate solo quelle attività commerciali di vendita al dettaglio con sede fissa relativamente ad antiquariato, modernariato, collezionismo e -purché il 60% siano produzioni tipiche locali- anche il settore alimentare; finanziabili anche  le imprese artigiane impegnate nelle lavorazioni artistiche e tradizionali.

L'attività ammessa a contributo dovrà essere riconducibile a un locale caratterizzato da vetrine e accesso sulla pubblica via.

La domanda, che dovrà essere compilata secondo il modello indicato e corredata dei documenti richiesti nell'avviso pubblico, dovrà pervenire al Comune di Viterbo esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo sviluppoeconomico@pec.comuneviterbo.it. Le domande saranno accolte nel limite delle risorse finanziarie disponibili e comunque entro il 15 settembre 2017.

Tutta la documentazione riguardante l'avviso pubblico è scaricabile dal sito istituzionale www.comune.viterbo.it – sezione Settori e Uffici – Settore IV oppure reperibile presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) in piazza del Plebiscito (tel. 0761 348 214).

 

Contattaci

0