Conciliazione obbligatoria in materia di telecomunicazioni

La Camera di Commercio di Viterbo, in attuazione di quanto previsto dalla legge 580/1993, ha provveduto ad istituire il proprio Servizio di Conciliazione approvando il regolamento di conciliazione per le controversie di natura economica ed in particolare quelle che possono insorgere tra imprese e tra imprese e consumatori.

Con l’emanazione del d.lgs. n. 28 del 4 marzo 2010, in materia di “mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”, entrato in vigore il 20 marzo 2010, è stato ampliato l'ambito di applicazione e il procedimento di conciliazione ha avuto un’approfondita regolamentazione.

La normativa fa comunque salva l’applicazione delle disposizioni che già disciplinano i procedimenti obbligatori di conciliazione e di mediazione comunque denominati e che, pertanto, sono esperiti in luogo di quelli previsti dal d.lgs. 28/2010 continuando ad essere disciplinate dalle disposizioni previgenti in tema di conciliazione.

Tra i procedimenti di conciliazione non abrogati dall’art.23, del D.Lgs.n.28/2010, rientrano quelli relativi alle controversie tra utenti e organismi di telecomunicazione (L.n.481/95, L.n.249/97, art.1, comma 11, Delibera AGCOM n.173/07/CONS e relativo regolamento) e quelli in materia di subfornitura (L.n.192/98), per i quali quindi continueranno ad applicarsi il regolamento dell’ufficio di conciliazione e la normativa specifica.

In data 13 marzo 2012 è stato siglato un primo protocollo d’intesa tra AGCOM – Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni – e Unioncamere – Unione Italiana delle Camere di Commercio – con l’obiettivo di sviluppare l’utilizzo della conciliazione delle Camere di Commercio nel settore delle comunicazioni elettroniche.

Il protocollo d’intesa che nasceva dall’ opportunità di favorire lo sviluppo dell’utilizzo delle tecniche di risoluzione alternativa delle controversie nelle telecomunicazioni mediante l’adozione di comportamenti uniformi all’interno del Sistema camerale con la conseguente estensione dell’utilizzo del Regolamento di Mediazione al contenzioso del settore è stato avvalorato da un nuovo protocollo firmato il 6 maggio 2014 e nuovamente consolidato in data 18 maggio 2016 che ha confermato l’attuale tariffario parificato a quello delle procedure di mediazione civile obbligatorie e sicuramente rappresenta una conferma del ruolo svolto dalle Camere di commercio nella soluzione delle controversie tra operatori ed utenti.

A tale riguardo il Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio, nel recepire il predetto protocollo, ha riformulato il proprio Regolamento di Conciliazione uniformandolo, per quanto compatibile, con il Regolamento adottato per le procedure di Mediazione.

 

Per saperne di più:

Elenco dei conciliatori della Camera di commercio di Viterbo

Protocollo Unioncamere AGCOM

 

Modulistica

Domanda di Conciliazione 

Accettazione della procedura di conciliazione

RIFERIMENTI

Anna Cecchetti
tel. 0761.234400 - 234420 - 234440 - 234459
fax 0761.234460
sportello.conciliazione@vt.camcom.it 

dati aggiornati al 28 Agosto 2017