Albo Imprese Artigiane

Cosa è l'Albo delle Imprese artigiane

E’ istituito in ogni provincia un Albo delle Imprese Artigiane la cui tenuta è curata dalla Commissione Provinciale per L’Artigianato (CPA), organo amministrativo regionale di rappresentanza e tutela dell’artigianato. A seguito di convenzione con la Regione Lazio, l’Albo è gestito da personale della Camera di Commercio.


Oltre a deliberare sulle iscrizioni e cancellazioni delle imprese dall’albo, la Commissione è chiamata ad assolvere le seguenti funzioni:

  • effettuare ogni 30 mesi la revisione dell’Albo;
  • rilasciare certificazioni, atti e visure;
  • concorrere a promuovere la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo dell’Artigianato;
  • fornire contributi tecnici alla Regione con riferimento all’attività programmatoria e legislativa nel settore;
  • concorrere con la Commissione Regionale per l’Artigianato allo svolgimento di indagini e rilevazioni statistiche;
  • elaborare una relazione annuale sulla situazione dell’Artigianato nel territorio di competenza.

 

L’Albo è stato istituito nel 1956 (legge 25 luglio 1956, n. 860) ed è attualmente regolato dalla legge 443 dell’ 8 agosto 1985 e dalle relative leggi regionali.

L’Albo delle Imprese Artigiane della provincia di Viterbo è disciplinato dalla Legge Regionale 10 luglio 2007 n. 10 e la sua tenuta è curata dalla Commissione Provinciale per l’Artigianato, organo di rappresentanza e tutela della categoria imprenditoriale artigiana.

L’albo è articolato in due sezioni:

a) nella prima sono tenute ad iscriversi tutte le imprese artigiane in possesso dei requisiti;
b) nella seconda sono iscritti i consorzi e le società consortili artigiane.

Approfondimenti

 

 

 

CONTATTI
VALUTA IL CONTENUTO DI QUESTA PAGINA
Ti è stata utile questa informazione?
Visualizza tutti
dati aggiornati al 25 Gennaio 2016